Leuciscus cephalus

Caratteristiche: 41-48 squame lungo la linea laterale; pinna dorsale con 1 raggio completo indiviso seguito da 7-10 divisi; pinna anale anch’essa con 1 raggio indiviso seguito da 7-10 divisi; denti faringei disposti su due file, 2 in quella anteriore e 5 in quella posteriore; lunghezza massima 60 cm; peso fino a 4-5 kg.

Descrizione: è un pesce dal corpo massiccio, quasi cilindrico, allungato; la bocca è piuttosto grande, obliqua rivolta verso l’alto, dotata di labbra robuste. Le squame sono grandi, di colore brillante, provviste di una fine punteggiatura nera, quasi unita a formare una specie di reticolo; il margine è sempre più scuro. La linea laterale appare molto evidente.

La colorazione del dorso è variabile in un’ampia serie di grigi fino ad un colore brunastro; i fianchi, anch’essi di colorazione assai variabile, presentano riflessi argentei o dorati. Gli occhi sono grandi e di colore giallo dorato.

cadevano

Biologia: il cavedano è una specie ad ampia distribuzione comprendente l’Europa ed il Medio Oriente (Alessio & Gandolfi, 1983) in Italia è autoctona. È un pesce che popola prevalentemente le acque correnti e limpide, spingendosi a volte in profondità nella zona a trote; al tempo stesso si può rinvenire anche in acque tipicamente ciprinicole o addirittura salmastre. Gli individui giovani mostrano tendenze gregarie formando branchi composti anche da centinaia di individui; i soggetti adulti sembrano manifestare invece tendenze più solitarie. Si tratta di un pesce praticamente onnivoro, con una dieta che va dalle larve agli insetti alati, dalle piante acquatiche alle uova ed agli avannotti, praticando a volte anche l’ittiofagia, soprattutto negli individui di maggiori dimensioni. È specie ad alto potenziale riproduttivo; una femmina di buona pezzatura può deporre fino a 200.000 uova, nel periodo compreso fra aprile e luglio a seconda delle zone e della temperatura dell’acqua. La deposizione delle uova avviene nelle vicinanze delle rive su ghiaia fine, sabbia, pietrisco ma a volte anche su vegetazione acquatica. La schiusa avviene, secondo la temperatura dell’acqua, in 3-7 giorni, l’accrescimento è piuttosto lento e la maturità sessuale non viene raggiunta prima del quarto anno di vita. Le popolazioni di cavedano sembrano attualmente in una fase di forte espansione demografica, probabilmente favorite in questo dal deperimento generale della qualità delle acque dei fiumi italiani e dalla diffusa manomissione degli alvei, dimostrandosi sotto questo aspetto una specie estremamente opportunista.

Stato di conservazione: specie comune a bassa sensibilità ecologica e scarsa valenza faunistica, è considerata non minacciata sul territorio nazionale.